IMO - Interactive Multi Action Game

Ti trovi in una piramide alla ricerca di tesori, ma non sei solo e i tuoi compagni d'avventura hanno i tuoi stessi progetti per la testa, è giunto il momento di combattere!

Questa è la storia alla base di IMO, un action game del 1996, sviluppato dalla Golden Weeds Project Japan (ora conosciuta come SurgeSpace Corp.) per sistemi Windows 95.



Un titolo di cui in rete non si trova molto, ne una versione completa o informazioni esaustive al riguardo, praticamente nulla a parte qualche link alla demo del gioco.

Un titolo al quanto strano e particolare, sia in termini grafici che di gameplay, che scoprì un giorno per caso nella famosa raccolta di giochi per Windows acquistata in edicola.


In questa demo, unica versione del gioco all'apparenza disponibile in giro, avremmo modo di provare e apprezzare o maledire i vari meccanismi di gioco, potendo scegliere 3 possibili personaggi ed altrettanti varianti fantasma di essi, ed esplorare solamente una breve sezione della fantomatica piramide.

Personaggi comandati unicamente via mouse, portando il cursore verso una determinata zona della finestra quest'ultimo presenterà un'icona d'azione ben precisa, come il movimento o il salto.
Portando il cursore di poco verso il bordo destro o sinistro della finestra, potremmo camminare, ai bordi estremi correre e nella parte bassa o alta rispettivamente accucciarci o saltare, ovviamente il tutto dopo apposito click sinistro del mouse.

Ci si prende subito confidenza, anche se forse non è il massimo della vita come sistema di controllo, ma l'azione di gioco ben equilibrata e poco frenetica gioca decisamente a favore del giocatore e degli eventuali problemi annessi ad un sistema di controllo simile, ricordando che in quegli anni su usavano quegli odiosi mouse a pallina...

Al giocatore oltre che a muoversi "liberamente" per il livello, è permesso anche attaccare con la pressione del tasto destro del mouse, che a seconda del personaggio scelto, richiederà più o meno tempo tra attacco e ricarica fra un colpo e l'altro.

In questa demo non rimane altro al giocatore che cercare di ammazzare quanti più nemici possibili prima di morire, quasi a voler battere un record personale, o magari sfidare un amico collegando due PC sulla porta seriale, che credo non sia nemmeno più presente sui pc più recenti.

Graficamente il tutto sembra realizzato a mano, forse frutto di qualche schizzo su carta e poi passati allo scanner, anche se la resa a 256 colori scarsi non rende giustizia al tutto.

Il sonoro è ottimo, sia per quanto riguarda gli effetti che la colonna sonora, un po' assurdi forse i versi emessi dai personaggi non appena colpiti o appena uccisi, in pieno stile anime, ma comunque d'effetto e molto azzeccati.

Nel complesso, tra le varie limitazioni che questa demo presenta, sono comunque sorpreso.

Un gioco d'azione di cui praticamente nessuno sa nulla e forse ne ha mai sentito parlare...
  • Ottima grafica, probabilmente realizzata a mano
  • Effetti sonori e colonna sonora molto azzeccati

  • Comandi di gioco un po' scomodi
  • Disponibile solo in versione demo, eccessivamente limitata
Questo titolo è sicuramente stato un precursore dei tempi in quegli anni, molto avanzato all'avanguardia per il 1996, anno in cui si sviluppavano ancora moltissimi giochi 2D, ed il 3D era ancora agli albori e rilegato al genere FPS o di corse automobilistiche.

Un gioco come questo forse avrebbe trovato più spazio ai giorni nostri come flash game, magari vantando anche la possibilità di utilizzare maggiori colori nella resa grafica ad esempio, e gamer con una mentalità più propensa all'uso del mouse in questi termini.

Probabilmente questa prematura uscita sul mercato, ne ha decretato la morte precoce, notando anche la completa assenza di persone che ne parlino o informazioni maggiori al riguardo, questo titolo è praticamente finito nell'oblio.

Questa demo, per quanto limitata e povera di contenuti, è tutto quello che pare essere rimasto sulla rete di questo gioco, oltre questo post, che spero ne mantenga viva la memoria, per quel poco che ne è rimasto.

2 commenti :

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Grafica a mano? Ci avranno messa un casino a farla

Pix3l ha detto...

Con le tecnologie dell'epoca sicuramente...

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...