Punch Out Game Boy

Era il 1987, Nintendo ci aveva deliziati con quel capolavoro che era (ed è tutt'oggi) Punch-Out per NES.

Un titolo che portava con successo sugli schermi televisivi dei giocatori, le emozioni della boxe, e che probabilmente, vista l'enorme approvazione da parte di quest'ultimi, Nintendo decise di portarlo anche sugli schermi più piccoli come quelli del Game Boy.

Una scelta molto azzeccata a mio dire, visto che l'enorme interesse suscitato dal fratello maggiore, sembra essersi riversato agli stessi livelli anche sulla piccola console portatile della grande N.


Il titolo si presenta come un clone quasi diretto del fratello maggiore, salvo piccoli cambiamenti grafici, obbligati dalle dimensioni ridotte dello schermo del Game Boy.

Tra i cambiamenti degni di nota, troviamo uno sfondo riadattato a forza di taglia e cuci, in cui però trovano spazio sufficiente gli sprite del giocatore e dei vari pugili, che sembrano non aver sofferto di alcun ritocco o quant'altro, tranne per il protagonista, che in lieve parte è stato posto fuori dallo schermo.

Il cameo di Mario è stato mantenuto anche in questo porting, ma i dialoghi tra i pugili e l'allenatore, sono stati del tutto omessi, in favore di ben più sobrie schermate con solo il nome e foto dell'avversario.

Per il resto, il titolo presenta la stessa qualità la stessa del suo fratello maggiore per NES, anche se il comparto audio, risulta forse un po' sofferente, probabilmente per limitazioni hardware della console, ma giocandoci si percepisce una qualità nettamente diversa ad orecchio, rispetto alla versione precedente.

Giocato sul Game Boy, con i pro e i contro che lo schermo della console si porta con se, il titolo alle volte potrebbe risultare frustrante.

Nei combattimenti particolarmente frenetici, si potrebbe avere una qualche difficoltà nel seguire con facilità l'evolversi degli eventi, e soprattutto cogliere i segnali di attacco da parte degli avversari, e chi conosce il gioco sa di cosa parlo.

Il grande pugilato per il piccolo schermo!
  • Ricrea in maniera abbastanza fedele, l'esperienza di gioco su NES

  • L'audio di gioco non è ai livelli di quello del NES
Possedevo entrambe le versioni un tempo, ma preferivo di gran lunga quella per NES.
Con sprite più grandi, e forse un pelino migliore in termini di resa grafica e di audio.

Nonostante le mie opinioni, il titolo è stato molto apprezzato dai giocatori al tempo del suo debutto sul mercato, e il suo costo sul mercato dell'usato risulta essere abbastanza accessibile (si parla di un costo medio di 15 euro), motivo in più per giocarci o rigiocarci se già lo avete fatto in passato!

3 commenti :

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Come un tordo ho scritto:"Ma lo sai che questa mi manca!"
Poi ho letto il tag ahaha :D

Pix3l ha detto...

Hahahaha XD

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...