Resident Evil Deadly Silence - Multiplayer

Del porting/remake di Resident Evil per Nintendo DS, ne avevo già parlato, ma dato che qualche giorno fa ho avuto modo di provare per intero insieme ad un amico, la sua componente multiplayer, approfondiamo il discorso, vista anche la scarsissima, per non dir nulla, presenza di informazioni al riguardo.
La componente multiplayer è utilizzabile da 2 a 4 giocatori tramite la connessione wi-fi della console, a patto che ognuno abbia la propria copia di Resident Evil DS e un Nintendo DS ovviamente.

In questa modalità avremmo a disposizione tre mappe di gioco, limitate ad un percorso prestabilito e due modalità di gioco, nelle quali poterci sfidare o collaborare, oltre che avere modo di guadagnare punti dalle nostre azioni.
Alla fine di ogni partita si avrà un voto da S a C, come nel più classico stile della saga, ed un resoconto del punteggio, in base al tempo impiegato a completare la partita e a quello rimanente.

Vi sono due modalità di gioco disponibili, scontro, in cui ogni giocatore sfiderà tutti i propri avversarsi tentando di arrivare per primo alla fine del percorso ed accumulare più punti possibili, ed una cooperativa, in cui tutti i giocatori potranno collaborare ai combattimenti per arrivare alla fine del percorso.

Nella modalità scontro, avremmo a che fare con nemici standard e speciali, tra cui nemici gialli, che se sconfitti rafforzeranno quelli dei nostri avversari, oppure nemici rossi, che se sconfitti impediranno ai nostri avversarsi di correre per un tempo limitato.

Nella modalità cooperativa, tutti i giocatori affronteranno insieme gli stessi nemici nei percorsi, ognuno utilizzando le proprie armi in dotazione e condividendo la stessa salute.
Se tutti i giocatori si ritroveranno nella stessa stanza, si avrà un bonus per tutti.

Sarà possibile giocare con qualunque personaggio visto nel gioco, anche quelli che hanno avuto breve vita o poca luce nell'avventura, come Enrico, Kenneth o Richard, ognuno con le proprie caratteristiche.
Ad esempio utilizzando Rebecca, si noterà una certa difficoltà nell'uso di armi da fuoco pesanti, mentre utilizzando Forest si noterà una maggiore fluidità nei movimenti rispetto agli altri.
Il coltello sarà comunque in dotazione a tutti i giocatori, anche se solo alcuni saranno più bravi di altri ad usarlo.
Alla fine di ogni partita, si avrà una piccola schermata in cui il giocatore sconfitto scoppierà in lacrime, mentre il vincitore si gongolerà lasciandosi andare ad un qualche commento.

Tra i percorsi disponibili, troviamo parte dell'ala est della villa, con partenza dall'inizio del giardino e punto di arrivo l'entrata principale.
In questo percorso si avrà modo di ottenere il fucile dalla stanza con il soffitto che scende, oltre che affrontare il tostissimo zombie di Forest.
Alla fine del percorso, avremmo a che fare con un resistentissimo Tyrant, che una volta sconfitto ci darà modo di poter uscire dalla porta principale della villa.
Visto il gran numero di munizioni disponibili nelle varie stanze, questa mappa è sicuramente una delle più facili da giocare in entrambe le modalità.

Il secondo percorso è costituito dalla casa del guardiano, con partenza dalla stanza di salvataggio.
Interamente esplorabile con la sola esclusione della prima stanza, quella del custode, e dei sotterranei, qui non vi saranno particolari oggetti da raccogliere, a parte quelli già in dotazione ai giocatori.
Vi sarà un alto numero di Hunter nelle varie stanze, ragni e vespe, questo probabilmente è il livello più difficile dei tre.
Al posto della Plant 42, nella grande stanza col camino, vi sarà Black Tiger, il ragno gigante, una volta sconfitto sarà possibile raccogliere una chiave dal camino e fuggire dall'entrata principale della villetta, ma non prima ripercorrendo le varie stanze popolate interamente da vespe.
Anche qui il numero di munizioni è abbastanza alto, ma i nemici molto tosti non renderanno una passeggiata questa mappa.
Degno di nota un interessante enigma presente nella stanza dell'alveare, una grossa statua con un display raffigurante un numero, girando intorno ad essa per il numero di volte rappresentato sul display, verrà aperta la porta della stanza della libreria poco prima di quella col camino.

La terza mappa è costituita dal piano sotterraneo del laboratorio, con partenza dalla cella prigione, e come punto d'arrivo l'ascensore verso il laboratorio del Tyrant.
Giocando in modalità cooperativa in questa mappa, tutti i giocatori partiranno senza armi, la prima arma disponibile sarà ottenibile da un bauletto blu, e da un solo giocatore, che volendo potrà farsi carico di difendere tutti gli altri sino a che non saranno autonomi in combattimento, creando così una vera e propria cooperazione.
Il numero di munizioni e nettamente inferiore rispetto a quello delle altre mappe, e il numero di nemici tosti decisamente alto.
Obbiettivo dei giocatori in questa mappa, sarà quello di riattivare la corrente per l'ascensore del laboratorio finale, ognuno dovrà attivarla per se in entrambe le modalità.
Sarà presente un Tyrant alla seconda evoluzione nell'ultima stanza del laboratorio, oltre che un buon numero di Hunter, chimere e cani zombie.
Nonostante ciò, il numero di stanze esplorabili è decisamente minimo, il che rende questa mappa una delle più brevi da giocare, e forse questo decresce anche il livello di difficoltà del tutto.

In ogni mappa ci saranno piccoli enigmi da risolvere, che chiunque abbia già portato a termine con successo il gioco principale, non avrà difficoltà a risolvere, come il trovare delle chiavi per aprire alcune porte o talvolta piazzare oggetti chiave nei punti giusti.
Saranno presenti anche i bauli portaoggetti, che nella modalità cooperativa si potranno usare per scambiarsi oggetti.
Alle volte saranno anche presenti i combattimenti in prima persona con il pennino, ma molto più facili e presenti solo in determinati punti a seconda della modalità di gioco scelta.

La presenza degli altri giocatori, sarà rappresentata da una stella 3D, semitrasparente e colorata, che lampeggerà ogni qualvolta uno dei nostri collaboratori userà la propria arma.
Oltre questo, nella parte alta dello schermo, avremmo anche un indicatore in tempo reale del punteggio ottenuto, ed un timer con il numero di minuti a disposizione per terminare la partita, cose che ricordano molto il battle game del primo Resident Evil per Sega Saturn.


Online non ho trovato molte informazioni riguardo questa modalità e quasi tutte le immagini sembrano rifarsi ad una qualche versione beta del titolo, presentando piramidi rovesciate al posto delle stelle e nessun indicatore di tempo e punteggio.

Vista la brevità dei percorsi e il tempo che ci impegneranno queste modalità di gioco, il tutto non risulta particolarmente appetibile, tranne che magari giusto per togliersi lo sfizio di provarle.
L'impossibilità di giocare offline, magari insieme o contro al computer, è una grossa carenza, che magari avrebbe dato più gusto a questa piccola modalità extra, permettendo così di rispolverare il titolo di tanto in tanto, magari nei momenti di nostalgia.
Sinceramente, sembra la brutta copia del battle game della già citata versione per Sega Saturn, non credo vi perdiate molto se non provate anche questa componente.

2 commenti :

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Ricordo che quando che quando avevo il DS il gioco lo snobbai, non mi ispirava come i titoli originali.
Da quel che leggo ho fatto bene!

Pix3l ha detto...

Non mi fraintendere, l'avventura principale è molto valida, presenta una versione alternativa della classica, studiata apposta per il DS (Vecchia recensione).
Sono solo i contenuti extra che non mi hanno soddisfatto, soprattutto per il prezzo a cui era veduto il titolo, dai 35 in su.
Di sicuro a quel prezzo non ne valeva la pena.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...